RAPPORTI TRA IMPERO CINESE E IL REGNO DELLE RYUKYU (OKINAWA) - PARTE 8, MISSIONE DEL 1808

Articolo a cura di Emanuel Giordano

Seguito della PARTE 7.

Come vi ho anticipato nella parte 6, Sho On morì all'età di soli 18 anni, lasciando il trono al primogenito 尚成 Sho Sei (1800-1804). Sho Sei (noto anche con il nome infantile 思徳金 Umitokugani) venne ufficialmente incoronato il 6 gennaio 1803, ma regnò per poco più di un anno, poiché morì il 7 febbraio 1804. La corona passò quindi ad un fratello di Sho On, 尚灝 Sho Ko (1787-1834), che salì sul trono nel 1804. La missione d'investitura cinese avvenne 4 anni dopo, nel 1808, gestita dal sapposhi 齊鯤 Qi Kun (1776-1820), e dal suo vice 費錫章 Fei Xizhang. La missione arrivò a Naha il 17 maggio, ed in quell'occasione  fu ripristinata la tradizione dei sette banchetti organizzati in onore degli inviati cinesi.
 
Nel 1827 Sho Ko si ammalò, e chiese al clan giapponese Satsuma (dei cui domini faceva parte anche il Regno delle Ryukyu),  il permesso di abdicare in favore di suo figlio. L'anno seguente ottenne questo permesso ma, nonostante ciò, mantenne il titolo di re fino alla sua morte, avvenuta nel 1834. Sebbene teoricamente avesse mantenuto il proprio titolo, di fatto era suo figlio a governare e ad occuparsi dei compiti del re, anche se tenne il titolo di Sessei fino alla morte del padre. Nonostante il figlio del sovrano divenne re solo nel 1835, l'ambasciata a Edo fu mandata già nel 1832, ed il vice-inviato (副使 fukushi) 東風平 親方 安度 Kochinda Ueekata Ando (noto anche come 沢岻 親方 安度 Takushi Ueekata Ando) portò allo Shogun Tokugawa Ienari i saluti ed i doni del re Sho Ko, inviati in segno di gratitudine per aver ottenuto il permesso di abdicare. Questa missione verso Edo era in realtà guidata dal Principe 豊見城 王子 朝春 Tomigusuku Woji Choshun (noto anche come 尚楷 Sho Kai), il quale era l'inviato (正使 seishi) del Regno delle Ryukyu. Tuttavia il Principe morì mentre si trovava ancora a Satsuma (Kogoshima), perciò venne impersonato da 兼城 親方 朝典 Kanegusuku Ueekata Choten (noto anche come 普天間 朝典 Futenma Choten), che era suo fratello più giovane, nonché sua "controfigura" (al pari di alcuni moderni dittatori, anche alcune figure politiche del passato utilizzavano dei sosia che li impersonassero, così da correre meno rischi). I due si recarono ad Edo, e tornarono ad Okinawa l'anno successivo. Entrambi sarebbero poi diventati membri del Sanshikan dal 1836 al 1839.
 

Missione del Regno delle Ryukyu ad Edo, 1932
 
CHI ERANO IL SAPPOSHI ED IL SUO VICE?
Qui Kun [(字澄瀛) lettera chengying, (號北瀛) numero beiying, nativo di (福建侯官) Fujian Houguan] ottenne lo jinshi nel 1801 con il secondo massimo punteggio, che gli fece ottenere i titoli accademici di 庶吉士 Shujishi (che si può tradurre con: tutti buoni uomini di virtù) e 編修 Bianxiu. Durante la missione diplomatica compilò assieme al suo vice la raccolta di informazioni relativa al Regno delle Ryukyu nota come 續琉球國志略 Xi liiqii guo zhi lue, e l'anno successivo ottenne un ruolo presso l'Accademia Hanlin. Nel 1812 divenne prefetto dell'Henan dove, l'anno dopo, contribuì ad aiutare la popolazione colpita da una siccità. Infine fu trasferito a Luzhou nel 1814 con il compito di gestire il trattamento delle acque. Fu anche autore di 东瀛百咏 Dongying bai yong.
 
Su Fei Xizhang [(字焕槎 e 字西庸) lettere huan cha e xi yong, nativo di (浙江归安) Zhejiang gui an] non sappiamo molto. Ebbe impieghi amministrativi già sotto l'imperatore Qianlong, e scrisse assieme a Qui Kun la suddetta 續琉球國志略 Xi liiqii guo zhi lue
 

CONTINUA...

Per maggiori informazioni potete leggere:
"Karate Shorin-ryu: kata" (clicca qui)
 

"Karate Shorin-ryu: L'eredità delle guardie del re di Okinawa" (clicca qui)

"Storie di Okinawa: spiriti, magia e leggende dell'isola giapponese" (clicca qui)

"La leggenda dei maestri di Karate di Okinawa. Biografie, curiosità e misteri"  (clicca qui)

"Manuale del Karate e del Kobudo di Okinawa" (gratis qui)