RAPPORTI TRA IMPERO CINESE E IL REGNO DELLE RYUKYU (OKINAWA) - PARTE 6, missione del 1800

Articolo a cura di Emanuel Giordano

Seguito della PARTE 5.

Proseguendo nel nostro percorso, affronteremo ora la missione diplomatica successiva a quella del 1756. Nel 1794 morì il re Sho Boku, al quale succedette il giovane nipote Sho On (1784-1802) l'anno successivo. Quest'ultimo regnò per poco, poiché morì alla giovane età di 18 anni (19 per il conteggio giapponese). La sua incoronazione ufficiale avvenne nel 1800, grazie alla missione guidata dal sapposhi 趙文楷 Zhao Wenkai/Chou Bunkai (1760-1804) e dal suo vice, 李鼎元 Li Dingyuan/Ri Teigen (1750-1805), al cui seguito c'erano 502 cinesi. A causa della morte dell'imperatore 乾隆帝 Qianlong avvenuta il 7 febbraio 1799, ed a causa dei disordini scoppiati durante la precedente missione di incoronazione, ci furono diversi cambiamenti al rituale. Ai membri dell'ambasciata cinese fu proibito di commerciare con gli okinawensi per ordine del sapposhi, e i sette tradizionali banchetti, che normalmente si tenevano per festeggiare ed intrattenere gli inviati cinesi, non vennero celebrati. Inoltre, gli inviati rifiutarono il dono di 10.000 once d'argento da parte del re. Vennero poi prese misure atte a prevenire lo scoppio di disordini tra i cinesi e gli okinawensi, onde evitare il ripetersi del triste episodio accaduto durante la precedente incoronazione. La missione ebbe però un triste epilogo. Durante il viaggio di ritorno le navi dovettero fronteggiare sia un attacco da parte dei pirati, sia un'enorme tempesta. Sia il sapposhi che il suo vice riuscirono a ritornare in Cina sani e salvi, ma l'esperienza ebbe un grosso impatto su di  Zhao Wenkai, il quale si indebolì e morì quattro anni dopo.

Durante il regno di Sho On venne fondata l'Accademia nazionale (国学 Kokugaku) del Regno delle Ryukyu, la quale era basata sul modello di quella cinese (a Pechino). Fu la più alta istituzione educativa del regno durante il XIX° secolo. Fondata nel 1796 (secondo altre fonti nel 1798) e nominata Accademia nazionale solo nel 1801, la scuola era principalmente gestita da studiosi di Kume-mura. Nel 1837 fu fondato a fianco all'accademia il santuario di Confucio, secondo la tradizione cinese Zuo miao you xue [a sinistra il tempio (confuciano), a destra l'accademia]. 

CHI ERANO IL SAPPOSHI ED IL SUO VICE?

Zhao Wenkai [(字介山) lettera jieshan, (號逸書) numero yishu, nativo di (景宁乡) Jingning] era un zhuangyuan della dinastia Qing (清朝狀元), cioè lo studioso che aveva superato con il punteggio più alto gli esami del servizio civile confuciano (科舉) nel 1796. Scrisse probabilmente diverse opere, ma l'unica che ci è giunta è una raccolta di poesie, intitolata Shi bai shan fang shi cun (石柏山房詩存). Sappiamo inoltre che l'imperatore cinese Jiaqing (1760-1820), successore e figlio del precedente imperatore Qianlong, lo descrisse come un funzionario/ufficiale capace ed in buona salute. Secondo altre fonti, Zhao Wenkai morì nel 1808, cioè otto anni dopo il viaggio.


Zhao Wenkai

Il suo vice, Li Dingyuan [(字味堂) lettera weitang, (號墨莊) numero mozhuang, nativo di (綿州) Mianzhou], era originario del Sichuan. Avendo superato con successo l'esame di massimo livello del servizio civile confuciano nel 1778, si guadagnò lo jinshi (una sorta di diploma di massimo grado) e un posto presso la Segreteria centrale (Neige zhongshu 内閣中書). Durante la sua permanenza nelle Ryukyu si impegnò in diversi tipi di attività. Tra i suoi vari impegni, il 19/09/1800 fece visita ai giardini noti come Ie-dunchi (a Shuri), accompaganto da 伊江親方朝慶 Ie Ueekata Chokei (anche noto come 伊江親方朝睦 Ie Ueekata Choboku, o 向天迪 Sho Tenteki), uno dei tre Sanshikan (三司官), cioè i tre massimi ufficiali del regno. Sempre durante la sua permanenza nelle Ryukyu, ricevette diversi doni per il compleanno di sua madre da parte degli ufficiali okinawensi. Questa cosa lo lasciò piacevolmente sorpreso, poiché non riuscì a capire come avessero fatto ad aver avuto questa informazione. Accettò quindi questi doni privati con grande riconoscenza e gioia. Esattamente come per Zhao Wenkai, anche Li Dingyuan ci ha lasciato una raccolta di poesie, la quale si intitola Shi zhu zhai ji 師竹斎集. Compilò inoltre un'opera in sei volumi sulle Ryukyu (使琉球記 Shi liuqiu ji), ed un'opera in quattro volumi relativa ad un viaggio a occidente (再遊記 Zai you ji).

COS'ERA LO SANSHIKAN?

Lo Sanshikan (noto anche come 法司 Hoshi, 世司部 Yoasutabe, o Consiglio dei tre) nacque nel 1556 come consiglio dei tre reggenti che governarono al posto del giovanissimo re muto 尚元 Sho Gen (1528-1572), e venne sciolto assieme al Regno delle Ryukyu nel 1879. Il re morì nel 1572, ma nel frattempo il consiglio divenne un organo molto potente ed influente, tant'è che non venne sciolto, ed entrò a far parte del governo del regno delle Ryukyu. Un esempio ci è dato dagli "Articoli sottoscritti dai Consiglieri del Re", che legavano il governo reale in lealtà e servitù al daimyo (signore) di Satsuma (odierna Prefettura di Kagoshima), e che proibivano esplicitamente al re di "affidare la condotta degli affari pubblici nelle isole a qualsiasi persona estranea al Sanshikan". Questo consiglio divenne via via più potente del Sessei (capo consigliere reale), ed i membri venivano selezionati tra gli ueekata. Tra i requisiti richiesti c'erano l'aver maturato esperienza nei viaggi in Cina e Giappone, il possedere eccellenti doti calligrafiche e di poesia, ed essere in possesso di un alto livello nello studio del confucianesimo. Essendo che far parte del consiglio significava aver raggiunto il massimo livello di carriera per i membri dell'aristocrazia accademica (l'aristocrazia accademica del regno delle Ryukyu consisteva in quattro gruppi di famiglie, che rivendicavano pedigree d'élite, nonché alto livello d'istruzione e di cultura, le quali ricoprivano le posizioni ufficiali del governo.), i membri erano imparentati con la famiglia reale, ad esclusione di rarissime eccezioni come 鄭迵 Tei Do (Jana Ueekata Rizan) e 金国鼎 Kin Kokutei (Gushichan Ueekata Noan), i quali facevano parte dell'aristocrazia accademica di Kume-mura.

CONTINUA...

Per maggiori informazioni potete leggere:
"Karate Shorin-ryu: kata" (clicca qui)
 

"Karate Shorin-ryu: L'eredità delle guardie del re di Okinawa" (clicca qui)

"La leggenda dei maestri di Karate di Okinawa. Biografie, curiosità e misteri"  (clicca qui)

"Manuale del Karate e del Kobudo di Okinawa" (gratis qui)